«

»

Stampa Articolo

Atac, una settimana di violenza

Atac vetro spaccato

Martellate, ombrellate e agenti di stazioni prese a spintoni. Quella appena trascorsa è stata una settimana di violenza per il personale operativo

Ancora aggressioni a danni del personale viaggiante di Atac SpA, diventato il parafulmine dei continui disservizi. Negli ultimi giorni se ne sono contate ben quattro, due nella divisione superficie e altrettante nel metroferro, quella messa peggio, sotto il profilo dell’efficienza. “Commentare è superfluo – dichiara un conducente -, parlano i fatti. Da tempo stiamo denunciando il clima di insicurezza, ma nessuno fa qualcosa di concreto in nostra difesa. Solo promesse elettorali e chiacchiere da bar”.

Lavorare con paura. A chiudere la settimana di violenza, l’episodio di questo pomeriggio, avvenuto intorno alle 19. Vittima un autista comandato sulla linea 14, sostitutiva del tram, mentre stava effettuando la fermata sulla Prenestina, all’altezza di via Alberto da Giussano. Per motivi ancora da chiarire, un automobilista prima ha preso a calci il bus, poi dalla sua auto ha estratto un martello, col quale ha sfondato il finestrino lato cabina e colpito il conducente alla spalla.  Sul posto sono intervenute le forze dell’ordine e i sanitari del 118, che hanno accompagnato il malcapitato al pronto soccorso più vicino. “Lavoriamo nel terrore – precisa il collega -, siamo diventati la valvola di scarico della cittadinanza”. Analogo episodio mercoledì sera, 14 ottobre, dove un altro autista, in servizio sulla linea 111 (Stazione Tiburtina-Pietralata), è stato letteralmente preso a ombrellate da un passeggero. E anche in questo caso sono state necessarie le cure mediche. Ma perché?  “Per la solita storia – risponde il nostro conducente-, attesa troppo lunga in fermata. La colpa non è la nostra, i buchi sono dovuti al traffico viario e, molto spesso, sia ai guasti che all’impossibilità di reperire vetture buone in rimessa, che comporta la cancellazione di turni interi”.

Metroferro nel panico. Dalla superficie al metroferro, il passo è stato breve. Il giorno dell’incidente in metro A (giovedì 15), infatti, che ha mandato in tilt l’esercizio, ci sono state altre due aggressioni. La prima a Piazzale Flaminio, capolinea della ferrovia RomaNord. Quando un’agente di stazione ha ripreso due tizi, intenti a camminare sui binari per superare la calca e imboccare rapidamente l’uscita, trasgredendo la legge, questi si sono rivoltati, apostrofandola con termini irriguardosi. È scappato pure qualche spintone, per non farsi mancare nulla, tra lo stupore degli altri utenti.  “Non c’era nessuno a difenderla – sottolinea una signora -, si sentivano urla impressionanti. Sconvolgente”. “Condanniamo questo comportamento deplorevole e vigliacco – ha commentato Fabrizio Bonanni del Comitato Pendolari –. Dov’era la sorveglianza? Tra i beni da tutelare non ci sono pure gli addetti di stazione, oppure si vigila solo gli estintori?”. La dipendente era stata messa a presidiare la banchina perché i display erano guasti: sola, senza il supporto del customer car. E non è andata meglio alla sua collega della ex-Giardinetti, in turno a Centocelle, come riferito e denunciato dalle Rsu CislScatolini Trugli nel fonogramma spedito ai vertici dell’Azienda.  “Il fatto, avvenuto intorno alle 13.30, è di una gravità assoluta, in quanto dalle OOSS è stato più volte segnalato lo stato di abbandono, di degrado e di pericolosità di stare in banchina nelle condizioni attuali. L’Azienda in riposta ha deciso, lo scorso lunedì [12 ottobre ndr], di tagliare ulteriormente sulla sicurezza ed ha tolto l’ausilio delle Guardie Giurate. Le promesse che sono state fatte ai lavori risultano a tutt’oggi fasulle e la credibilità dei vertici della ferrovia va di conseguenza”. Nel documento è stato chiesto, inoltre, di rendere “consono, confortevole e quantomeno sicura la stazione di Centocelle”, altrimenti “le scriventi Rsu si riservano di adire le vie legali come consentito dalle leggi e di denunciare il Responsabile della Sicurezza di Esercizio e l’intera filiera di comando della ferrovia”. Alé.

 

Permalink link a questo articolo: http://www.fieradellest.it/atac-una-settimana-di-violenza/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.