«

»

Stampa Articolo

Anziani fragili, le reazioni

simminiMaurizio Simmini, Presidente della Cooperativa Iskra: 

“Mi aspettavo delle risposte che non ho ottenuto. Ho incontrato il Presidente del Municipio prima di questa assemblea e ho avuto da lui l’impegno di andare a chiedere questi fondi necessari per mantenere aperti i servizi. Il centro diurno Belleville formalmente è aperto ma virtualmente è come se fosse chiuso visto che mancano gli utenti per poter definire il numero di due centri diurni. Oggi c’è un numero di utenti tra tutti e due i centri diurni che non costituisce nemmeno il numero di un centro diurno. Questo perché l’ immissione dell’utenza è diminuita in questi ultimi tre anni, quando gli anziani vengono a mancare dovrebbero essere sostituiti e questo non è avvenuto per la mancanza dei fondi che sono andati a diminuire sempre più fino a provocare una sparizione della cifra necessaria per mantenerli. Chiediamo semplicemente cosa voglia fare l’Amministrazione. Non voglio pensare che il disinteresse dei mesi precedenti di Scipioni sia legata ad un motivo politico, non ci voglio pensare. C’è un’oggettiva difficoltà dei fondi. Sono spariti 300mila euro in questi anni come li vogliono recuperare? Mi aspettavo che questa Amministrazione potesse prendere una posizione rispetto a questo tema ma non è avvenuto. Cambiamo tutto, ma per noi è rimasto tutto uguale. Si sente l’assenza in questo territorio  di un assessore puro al sociale, poteva essere anche un segnale di discontinuità con la vecchia giunta. Dedicare il tempo pieno al sociale è un segnale di volontà politica”.

PignatelliLuigi Pignatelli, Presidente Comitato difesa diritti anziani VI Municipio:

“Ci è dispiaciuto il fatto che il Presidente abbia equiparato alla Consulta dell’handicap con il nostro comitato. C’è un filo che unisce entrambe le cose, la malattia, ma siamo due realtà diverse. Abbiamo espresso al Presidente la volontà di creare una consulta per gli anziani fragili ma, visto i rapporti che intercorrono, la vediamo dura visto che preferisce parlare con i rappresentanti delle cooperative. Noi siamo arrabbiati, questo Presidente denota la mancanza assoluta di democrazia. Perché non parla con i cittadini? Se ne è anche andato! Gli anziani in municipio sono gli ultimi degli ultimi. Non è solamente la limitazione degli orari dell’assistenza, qui c’è la sanità che ci pressa e ci chiude con il pagamento delle prestazioni. Io sono del parere che a questi politicanti non interessano né i giovani né gli anziani. Dei giovani non sanno cosa farsene, tra disoccupazione e altro. Infatti vanno tutti all’estero. Mi sa che anche noi anziani dovremmo pensare ad andarcene. La chiusura di un centro diurno è l’emblema del fallimento della politica: significa riduzione di costi per loro”.

 

Permalink link a questo articolo: http://www.fieradellest.it/anziani-fragili-le-reazioni/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.