«

»

Stampa Articolo

Antenna a Torre Angela: la mobilitazione dei cittadini

Oliano Rossi del CdQ di Torre Angela

Oliano Rossi del CdQ di Torre Angela

In una settimana raccolte più di 500 firme per impedire l’installazione della Stazione Radio che minaccia la salute dei cittadini: “Qui abbiamo già 15 antenne nel raggio di pochi chilometri”. L’atto è stato protocollato al Municipio, presto verrà indetta una riunione pubblica, sarà invitato il Presidente Scipioni. Presentata anche un’opposizione scritta al Dipartimento Urbanistica. 

Gli inquilini di Torre Angela passano all’azione. Venuti a conoscenza, tramite il nostro giornale, dell’imminente montaggio di una nuova Stazione Radio Base in via Fossati 19, hanno deciso di convogliare le forze per bloccare l’ennesima minaccia della salute pubblica.  Spiega l’iter adottato Katia Carsetti, una dei residenti più attivi: “Siamo andati in Municipio il 25 marzo a informarci della veridicità della notizia. In una settimana abbiamo raccolto più di 500 firme, affiggendo sui muri l’articolo scritto de La Fiera e i volantini informativi. Quindi  tra mercoledì 2 e giovedì 3 aprile abbiamo presentato le firme in Municipio, ponendole all’attenzione di Scipioni e Gidaro (Pres. Commissione Urbanistica e Ambiente, ndr). Abbiamo redatto un’opposizione scritta, portata anche al Dipartimento competente (Programmazione e Attuazione Urbanistica). Infine l’Ufficio Tecnico del VI ha inviato una lettera allo stesso Dipartimento, chiedendogli di installare l’antenna su una Stazione già esistente. Non abbiamo ancora ricevuto risposta”.
La lettera oppositiva si basa su un dato incontrovertibile, ammesso dalla stessa Amministrazione: “Qui a Torre Angela ci sono già 15 antenne nel giro di pochi chilometri! Inoltre nelle vicinanze abbiamo un asilo e due cardiopatici con pacemaker, soggetti a rischio la cui salute va tutelata” conclude Katia. A spaventare le onde elettromagnetiche ad alta frequenza, che nei casi peggiori potrebbero provocare casi di leucemia infantile, tumori del sangue e del sistema linfatico. Per gli inquilini del quartiere è iniziata una vera e propria corsa contro il tempo: c’è tempo fino a 90 giorni dalla data della richiesta, presentata il 3 febbraio, per impedire che l’antenna venga installata.
“Ci stiamo organizzando – dice Oliano Rossi, Presidente del CdQ  - per promuovere un’assemblea pubblica in cui parlare del tema. La legge Gasparri – che regola il servizio e il ricevimento del segnale telefonico – ci lascia poco spazio di manovra. Come se non bastasse sembra che la telefonia interessata (Wind) abbia ‘bypassato’ il Comune accordandosi con il privato possessore del terreno e della palazzina”. Il CdQ da solo non ha possibilità di successo, ma con l’appoggio della comunità del quartiere potrà attivarsi per chiedere al Dipartimento, e al Municipio, di trovare una nuova sistemazione su suolo pubblico, lontano dalle abitazione dei cittadini: “Vogliamo essere ascoltati!” tuonano da settimane.
Manuel Manchi
 

Permalink link a questo articolo: http://www.fieradellest.it/antenna-a-torre-angela-la-mobilitazione-dei-cittadini/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.