«

»

Stampa Articolo

Alemanno incontra le precarie della scuola

Le lavoratrici del settore scolastico dell’infanzia e dei nidi sostenute da USB ottengono un confronto in Campidoglio. Caterina Fida (USB) “Sui nidi chiusura totale”.

Lo avevano incrociato lo scorso 26 novembre, durante un’assemblea promossa dall’USB nella sala Promoteca del Campidoglio. Erano riuscite, così, a strappare un appuntamento al sindaco Alemanno per confrontarsi. Parliamo delle lavoratrici precarie del settore educativo e scolastico da diverso tempo in piede di guerra con l’amministrazione. Hanno ottenuto un tavolo a cui hanno partecipato lo scorso 4 dicembre anche l’assessore al personale Cavallari e i direttori dei dipartimenti I e XI Colaiacomo e Turchi soprattutto per dare seguito alla vertenza che USB segue in merito alla stabilizzazione delle insegnanti di IV fascia della scuola dell’infanzia. Ma hanno portato all’attenzione del sindaco anche le istanze e le problematiche in materia di asili nido, il settore maggiormente critico del sistema educativo. Ma proprio su di esso, le lavoratrici, hanno ottenuto meno risposte. “Mentre per la scuola dell’infanzia c’è stata un’apertura e si è prospettato un possibile percorso di stabilizzazione – spiega Caterina Fida, coordinatrice asili nido USB – sui nidi c’è stata chiusura totale. Molto male”. Il tema, infatti, sarebbe stato affrontato dal Sindaco solo dal punto di vista dei costi. Confermando la volontà di tagliare e contenere le spese, proseguendo sulla linea seguita fino a oggi dalla giunta. “Sono convinti di continuare con il sistema della gestione mista e stanno prospettando di dare in concessione tutti i nidi chiusi”. Una linea, quella delle privatizzazioni, che crea delle ripercussioni anche sulla qualità del servizio, andando spesso ammortizzare sul pagamento del personale o a giocare su un turnover deprimente. Nessun passo in avanti, dunque, per la stabilizzazione delle precarie di III fascia e brutte notizie per la legge regionale sui nidi 12 del 2011. Bloccata per l’anno 2011/2012, potrebbe essere applicata per il nuovo anno scolastico. La legge fissa la superficie interna degli asili nido nella misura di 6 metri quadrati, quella esterna nella misura di 15 ma soprattutto aumenta il numero di bambini in rapporto agli educatori (si passa da 1 educatore ogni 6 bambini a 1 ogni 7). Secondo USB, impatterà sul servizio con forti ripercussioni negative sulla qualità dell’assistenza e andrebbe abolita. “Siamo valutate solo in termini di costi e di produttività. Sono anni ormai che teniamo duro contro chi continua a denigrare non solo noi lavoratrici ma i bambini stessi offrendo loro un modello assistenzialistico che riporta i nidi indietro di anni luce. Per anni abbiamo portato avanti la nostra battaglia in difesa dei nidi pubblici di qualità con forza e tenacia. Bisogna ricominciare con ancora più forza e tenacia”
Silvio Galeano

Permalink link a questo articolo: http://www.fieradellest.it/alemanno-incontra-le-precarie-della-scuola/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.